Archivio per settembre, 2010

Accabadora

Pubblicato: 21.09.2010 da Francesca Meneghetti in Libri e dintorni, Recensioni
Tag:,

La parola accabadora è sarda e indica “colei che finisce”, probabilmente dallo spagnolo acabar. Pare che in alcune aree della Sardegna, quando una persona, specie anziana, era considerata “terminale”, si ricorresse a  una donna che anticipava l’evento per pietà su richiesta dei familiari. Accabadora è anche il titolo del libro che ha vinto il Campiello, scritto dalla giovane Michela Murgia. In un’epoca in cui è tabù parlare anche solo di “direttive anticipate” (testamento biologico), introdurre in un romanzo il tema dell’eutanasia – perché di questo si tratta con l’accabadora, non di sospensione delle cure e dell’alimentazione-idratazione forzata – risulta intrigante, e, a quanto pare, paga in termini di consenso. In fondo, è per curiosità verso le supposte laiche motivazioni dell’autrice che ho letto il libro. (altro…)