Archivio per ottobre, 2010

Ricordo nettamente la sensazione che da bambino provai nel apprendere i fatti e i “dettagli di contorno“ legati all’impresa compiuta dall’ Enola Gay nell’agosto del 1945, ricordo con nitidezza il fastidio che provai nell’apprendere tutta la sofferenza, il numero di morti e la crudeltà generati da quella singola bomba. Mi parve una perversa dimostrazione di potenza, un’inutile devastante esperimento su migliaiadimigliaia di cavie umane. Ricordo che mi chiesi “ma perché ai Giapponesi e non sui tedeschi nazzisti di merda?”.

Ero piccolo,sboccato, ignorante, immaturo ed irresponsabile.

(altro…)

Annunci