Archivio per gennaio, 2011

XY: l’assurda incognita di Sandro Veronesi

Pubblicato: 18.01.2011 da Francesca Meneghetti in Libri e dintorni, Recensioni

Leggendo certe pagine di Sandro Veronesi si ha impressione di essere vittime di una di quelle terribili distrazioni da Alzheimer e di aver preso non YX o Caos calmo, ma un romanzo ancora sconosciuto di Mc Ewann, oppure un giallo di Fred Vargas. Scene ad altissima tensione, fulminanti, specie all’inizio del romanzo, che a me hanno fatto venire in mente “L’amore fatale” (Enduring love). (altro…)

Annunci

“Una solitudine troppo rumorosa” di Bohumil Hrabal ci narra la cupa e avvelenante esistenza solitaria di Hanta, recluso per trentacinque anni in un sotterraneo a eseguire un lavoro meccanico e stancante. Costante preda della solitudine e inseguito dalla malinconia di un passato distante e mai sufficientemente felice, il protagonista sopravvive varcando soglie verso mondi diversi e migliori, in cui cercar se stesso. I libri che di tanto in tanto lui salva dalla morte risparmiandoli alla pressa con cui lavora, sono porte in grado, se aperte, di scaldarlo con la luce che da esse entra, di rianimarlo di infondere per osmosi quel fluido vitale, difficilmente acquisibile dalla sua cupa, meccanica e silenziosa esistenza giornaliera. (altro…)

Tecnicamente questo libro costituisce uno degli esempi enciclopedici per eccellenza di cosa significhi caratterizzazione e digressione, strumenti narrativi fondamentali che Roth in questa sua grande prova letteraria spinge a livelli eccellenti dimostrando, qualora all’epoca dell’uscita del libro ce ne fosse stato ancora bisogno, di essere uno dei più grandi scrittori viventi. (altro…)