Posts contrassegnato dai tag ‘poesia’

percio_veniamo_bene_nelle_fotografie.resizedRecensione apparsa anche qui

In una Bustina di Minerva (“Ma glielo abbiamo chiesto noi” del 21 dicembre 2011) Umberto Eco introduce una schematica, ma efficace, distinzione tra prosa e poesia.

La prima parla di cose: “<rem tene, verba sequentur>, possiedi bene quello di cui vuoi parlare e poi troverai le parole adatte.[…] In poesia accade invece tutto l’opposto, prima t’innamori delle parole, e il resto verrà da sé, <verba tene, res sequentur>”. Ma si potrebbe anche parlare di una prevalente intenzione etica (o di contenuto) nella prima contro una prevalente intenzione estetica, o formale nella seconda.

(altro…)

Annunci

«[…]La cosa è vertiginosa. Abbiamo avuto due genitori, poi quattro nonni e la cosa si raddoppia sempre sino a includere tutto il vertiginoso esistente, eredi di una eternità di cui non sappiamo niente. Tutto poteva non avvenire, la cosa è avvenuta, ci siamo perfino incontrati, nessuno può considerarsi innocente, consideriamoci un sogno!» (altro…)

casadidio.Quando si cresce si tende a catalogare i problemi dei “ragazzini” come piccoli ed insignificanti dimenticandoci quanto quelli stessi piccoli problemi condizionarono la nostra giovane vita da teenagers. Poi può accadere che un brillante e, in Italia, semi sconosciuto autore di nome David Mitchell decida di costruire, camuffato da libro, uno strano marchingegno in grado di rapirci dalla realtà e iniettarci nella testa di un tredicenne inglese. Non ci si mette molto a renderci conto della magia di cui sono dotate le pagine lette. Una volta iniziato ci si ritrova immersi in una realtà diversa, una realtà di cui non abbiamo il controllo perché siamo dei “parassiti” che, dentro il corpo del giovane Jason, attraverso i suoi occhi, la sua mente e il suo cuore, vivono un intero denso anno della sua vita.

(altro…)

Ho trovato un testo che voglio condividere con voi: si intitola Setola ed è dell’emergente Leandro Barocco. Il testo integrale è reperibile sulla rete.

Non ho parole per esprime la mia commozione nel leggere un testo così poetico, dall’incipit fulminante e dallo struggente lirismo. Ho pianto come non piangevo da anni. Un testo ineffabile e inarrivabile, dalla prosa scarna e dall’uso sapiente delle parole, poesia e lirismo allo stato puro.

Non conoscevo questo autore ma sento che ho trovato un amico per la vita. Un testo imprescindibile.

Qui il testo integrale e libermanete scaricabile: Setola